Login
feed RSS
Tecnologia Industriale
Comunicazione Corporate
Progetto “Allenarsi per il Futuro” in Abruzzo
Bosch e Randstad incontrano i ragazzi di Nereto e Città Sant’Angelo
Gli sportivi Daniela Masseroni, Maurizia Cacciatori e Gianpaolo Calvarese saranno i testimonial del progetto

Milano, 3 febbraio 2017- "Allenarsi per il Futuro", il progetto di Bosch e Randstad che propone una serie di iniziative mirate a orientare i giovani al loro futuro professionale arriva nei comuni di Nereto (TE) e Città Sant'Angelo (PE). I due incontri si svolgeranno martedì 7 febbraio coinvolgendo oltre 300 studenti. Il primo appuntamento si terrà presso il Liceo Scientifico B. Spaventa di Città Sant'Angelo, dalle ore 8.30 alle ore 10, mentre il secondo presso l'Istituto G. Peano di Nereto, dalle ore 11.20 alle ore 13.15.

Durante i due incontri gli studenti avranno modo di confrontarsi con i rappresentanti di Bosch e Randstad sul mestiere che intendono fare "da grandi", ricevendo consigli sulle professioni più promettenti e le migliori strategie per raggiungere gli obiettivi professionali. I ragazzi, oltre ad ascoltare la testimonianza di uomini e donne d'azienda, avranno la possibilità di confrontarsi con alcuni campioni dello sport. La ginnasta Daniela Masseroni, racconterà come la flessibilità sia stata uno dei segreti del proprio successo sportivo e personale. Flessibilità come caratteristica fisica fondamentale per l'esecuzione corretta dei movimenti durante gli esercizi e come elasticità mentale per potersi adattare alle diverse circostanze e ai cambiamenti: come nello sport così nella vita. La pallavolista Maurizia Cacciatori, invece, insegnerà l'importanza della dote di leadership portando come esempio la pallavolo, uno sport dove l'unione fa la forza ed è fondamentale avere un riferimento sul campo che guidi il gruppo e contribuisca a raggiungere ogni obiettivo prefissato. L'arbitro Gianpaolo Calvarese spiegherà quanto sia importante saper prendere le decisioni con risoluzione e fermezza. Essere arbitro significa essere imparziale e razionale, saper analizzare ogni azione di gioco per dirigere una gara in modo corretto. Nella vita saper prendere le decisioni aiuta a intraprendere la strada giusta verso il successo, affrontando gli ostacoli con determinazione. Attraverso la metafora dello sport gli incontri trasmettono agli studenti l'importanza di compiere scelte professionali corrispondenti alle proprie attitudini e alle richieste del mercato, "allenando" il proprio talento per raggiungere l'obiettivo professionale.

Gli incontri nascono sulla base del progetto "Allenarsi per il Futuro" che raccoglie una serie di iniziative per valorizzare gli strumenti di orientamento e crescita professionale, coinvolgendo i ragazzi in un confronto aperto e proponendo a scuole e istituti una formazione pratica, attraverso tirocini o ore di laboratorio in azienda.

Il Gruppo Bosch è fornitore leader e globale di tecnologie e servizi. Secondo i dati preliminari, grazie ai circa 390.000 collaboratori (al 31 dicembre 2016) impiegati nelle quattro aree di business Mobility Solutions, Industrial Technology, Consumer Goods e Energy and Building Technology, il Gruppo Bosch ha registrato un fatturato di 73,1 miliardi di euro nel 2016. Il Gruppo è costituto dall'azienda Robert Bosch GmbH e da circa 450 tra consociate e filiali in oltre 60 Paesi. Se si includono i partner commerciali e di servizi, la rete di produzione e vendita di Bosch copre quasi tutti i Paesi nel mondo. La base per la crescita futura della società è la forza innovativa, 59.000 sono i collaboratori Bosch impegnati nella ricerca e sviluppo in circa 120 sedi in tutto il mondo. L'obiettivo strategico del Gruppo è quello di fornire le innovazioni per una vita connessa. Seguendo lo slogan "Tecnologia per la vita" Bosch, grazie ai suoi prodotti e servizi, migliora la qualità della vita offrendo soluzioni innovative in tutto il mondo.

L'azienda è stata fondata a Stoccarda nel 1886 da Robert Bosch (1861-1942) come "Officina di meccanica di precisione ed elettrotecnica". La struttura societaria della Robert Bosch GmbH assicura l'indipendenza imprenditoriale del Gruppo Bosch, permettendo all'azienda di perseguire strategie a lungo termine e di far fronte a nuovi investimenti che possano garantire il suo futuro. La Fondazione di pubblica utilità Robert Bosch Stiftung GmbH detiene il 92% delle partecipazioni della Robert Bosch GmbH. La maggioranza dei diritti di voto appartiene alla società fiduciaria Robert Bosch Industrietreuhand KG che gestisce le funzioni imprenditoriali dell'azienda. I diritti di voto e le partecipazioni restanti spettano alla famiglia Bosch e alla Robert Bosch GmbH.